Il card. Angelo Bagnasco traccia le conclusioni del 5° Convegno ecclesiale nazionale di Firenze

Ecclesia

Card.Bagnasco_Firenze“Cari fratelli nel Signore, è con cuore grato che concludiamo i lavori di questo Convegno ecclesiale, occasione di grazia e tempo di ascolto della Parola e della volontà di Dio sulla nostra Chiesa”. Con queste parole il card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, ha concluso i lavori del 5° Convegno Ecclesiale Nazionale, tracciando alcune prospettive per il cammino futuro dopo aver ascoltato le sintesi e le proposte scaturite dai 200 tavoli di lavoro dei delegati.
“La Chiesa italiana – ha affermato – ha scelto di assumere il percorso del Convegno e di mettersi in gioco, in un impegno di conversione per individuare le parole più efficaci e i gesti più autentici con cui portare il Vangelo agli uomini di oggi.
Quello fatto insieme è stato un cammino sinodale, che ci ha fatto sperimentare la bellezza e la forza di essere parte viva del popolo di Dio”.

Leggi il testo integrale delle conclusioni del card. Angelo Bagnasco

 

Dal discorso conclusivo del Convegno di Firenze, pronunciato dal Presidente della Cei l’inviata di inBlu Radio Alessandra Giacomucci ha estrapolato 5 brani riferiti a ciascuna delle 5 “vie” di riflessione del Convegno e lo spunto dato dall’arcivescovo di Genova sul tema della sinodalità.

Firenze2015. Le 5 “vie” del “nuovo umanesimo”: uscire

 

Firenze2015. Le 5 “vie” del “nuovo umanesimo”: annunciare

 

Firenze2015. Le 5 “vie” del “nuovo umanesimo”: abitare

 

Firenze2015. Le 5 “vie” del “nuovo umanesimo”: educare

Firenze2015. Le 5 “vie” del “nuovo umanesimo”: trasfigurare

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone