Hungry hearts, 12 dicembre 2015

Ascolta la puntata

cat stevensNon poteva mancare un artista “spirituale” come Cat Stevens, è quello degli anni d’oro, degli anni ’70 e tra i diversi brani che si potevano scegliere, cominciamo con il suo “salmo” aurorale: Morning has broken, un inno alla potenza creatrice di Di che celebra la bellezza della natura ammirata, contemplata, con spirito estatico, colmo di gratitudine. La stessa gratitudine nella parole di lode contenute nel ritornello di questa dolente, agrodolce, malicondica e scatenata ballata irlandese,The Old Northern Shore, frutto maturo dell’arte musicale di Tom Russell.

Hungry hearts,  a cura di Andrea Monda scrittore e insegnante di religione, mutuando il suo titolo dal famosissimo brano di Bruce Springsteen che indaga non a caso sui “Cuori affamati”, racconta la dimensione spirituale della musica rock e non solo.

La puntata del 12 dicembre:

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone