Mafia: beni sequestrati valgono 3 miliardi di euro

Il commento di Francesco Menditto, Procuratore della Repubblica Tribunale Lanciano

CAMORRA: CONFISCATI BENI PER 110 MLN AL CLAN DEI CASALESIAmmontano a 3 miliardi di euro i beni sequestrati alle mafie e altrettanto valgono quelli confiscati e quindi di proprietà dello Stato. Solo oggi la Guardia di Finanza di Palermo ha eseguito un sequestro di 21 milioni agli imprenditori agrigentini Russello, a cui sono già stati confiscati beni per 50 milioni (aziende edili, ristoranti, negozi e alberghi).  E un altro sequestro di 45 milioni è stato eseguita dalla Dia di Reggio Calabria e dalla Finanza di Firenze e Pistoia su ordine della Procura reggina nei confronti dei beni dell’imprenditore Armando Raso, ritenuto esponente di spicco della cosca di Gioia Tauro Piromalli-Molè. Le misure di prevenzione, istituite nel 1982 con la legge Rognoni-La Torre si confermano strumento fondamentale di contrasto alle mafie così come il riuso sociale dei beni confiscati, la cui legge compie 20 anni in questi giorni. Sentiamo Francesco Menditto, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Lanciano, esperto di misure di prevenzione.

intervista di Federica Margaritora:

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone