Il Sud inverte la rotta, ma resta scarsa l’occupazione e alto il rischio povertà

lavoroIl rapporto Svimez sull’economia del Mezzogiorno dice che nel 2015 il Pil meridionale è cresciuto dell’1 per cento, più di quello nazionale. Nonostante il parziale recupero restano gravi ritardi e un forte rischio povertà. Tra i fattori che hanno spinto la crescita, la corsa alla spesa dei Fondi strutturali europei del programma 2007-2013, che altrimenti avrebbero dovuto essere restituiti per inutilizzo e il turismo, convogliato nel meridione italiano dalla situazione geopolitica internazionale. Al microfono di Alfredo Ranavolo il vicedirettore di Svimez, Giuseppe Provenzano.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone