Siria, denuncia di Amnesty: “13mila prigionieri impiccati segretamente nella prigione militare in un sobborgo di Damasco”

AI NOSTRI MICROFONI Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International

carcere_assadSiria. Nella prigione militare di un sobborgo di Damasco sono stati impiccati in 5 anni di guerra 13mila prigionieri “in totale segretezza”. La maggior parte delle vittime faceva parte dell’opposizione al regime. Lo denuncia Amnesty International il cui portavoce in Italia è Riccardo Noury, intervistato da Antonella Mazza

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone