Aborto. Regione Lazio indice concorso per assunzione di medici non obiettori al San Camillo

il commento di don Carmine Arice, direttore dell'Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei

san-camillo-defaultE’ polemica sulla decisione della Regione Lazio di indire un concorso per l’assunzione di due ginecologi all’ospedale San Camillo di Roma per gli interventi di interruzione volontaria di gravidanza. Tra i requisiti richiesti quello di non essere obiettori. E nel caso cambiassero idea saranno passibili di licenziamento. il servizio  Alessandra Giacomucci.

Su questa vicenda sentiamo il commento di don Carmine Arice, direttore dell’Ufficio nazionale per la pastorale della salute della Cei intervistato da Alessandra Giacomucci

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone