Mafia: scritte contro don Ciotti a Locri, “Più lavoro meno sbirri” e don Ciotti sbirro”. Il sacerdote a InBlu Radio

Don Luigi CiottiE’ il prezzo di un percorso dove sai che dall’altra parte c’è chi è disturbato da questo impegno: così don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, risponde ad Alessandra Giacomucci in merito alle scritte apparse stamani sui muri dell’arcivescovado di Locri che lo chiamavano in causa direttamente: “più lavoro meno sbirri” e “don Ciotti sbirro”. Alla vigilia della Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie, istituzionalizzata da quest’anno dal Palamento, don Luigi Ciotti riflette sul senso di questa provocazione e conferma l’importanza del riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie, scelta fatta anche dalla diocesi di Locri Gerace che quest’anno ospita le manifestazioni.

Alessandra Giacomucci

 

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone