Istat – Meno nascite e più stranieri, ecco come cambia l’Italia. In calo la popolazione residente

BUONA LA PRIMA, Martedì 13 GIUGNO ALLE 18.13

Martedì 13 giugno, a Buona La Prima alle 18,13 su InBlu:

Le notizie in primo piano di Corriere.it; collegamento con il desk centrale, Alessandro Sala

Le prime pagine de Il mattino di Padova e de La Nuova Venezia; Paolo Cagnan, condirettore

Giuseppe Caporaso in studio per Attenti al Lupo, alle 19 su TV2000

Istat – Meno nascite e più stranieri, ecco come cambia l’Italia. In calo la popolazione residente

Intervista a Maurizio Ambrosini, sociologo, Università di Milano

La popolazione residente in Italia al 31 dicembre 2016 era pari a 60.589.445 di persone, di cui più di 5 milioni di cittadinanza straniera, pari all’8,3% dei residenti a livello nazionale (10,6% al Centro-nord, 4,0% nel Mezzogiorno). Il bilancio demografico dell’Istat  evidenzia che nel 2016 continua il calo dei residenti già riscontrato nel 2015. Il saldo è negativo per 76.106 unità, a causa dalla flessione della popolazione italiana (- 96.981), mentre la popolazione straniera aumenta di 20.875 unità. Il calo sarebbe stato ancora più cospicuo se non fosse per l’acquisizione della cittadinanza italiana di 202mila stranieri. Nel 2015 e nel 2016 i flussi migratori non sono riusciti a compensare il calo demografico dovuto alla dinamica naturale negativa; Maurizio Ambrosini, sociologo, Università statale di Milano

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone