Referendum, gesuita: “Da cittadini delega in bianco su autonomia”.

Ecclesia

Padre Giuseppe Riggio a InBlu Radio: “Si andrà a votare senza conoscere i progetti e gli esiti del voto non vincoleranno le giunte regionali”
Roma, 20 ottobre 2017. “I cittadini della Lombardia e del Veneto andranno a votare senza conoscere il progetto di autonomia. Abbiamo dunque un aspetto positivo che è quello del coinvolgimento dei cittadini però è anche una forma di delega in bianco perché manca la consapevolezza su che cosa i cittadini andranno a votare”. Lo ha detto il caporedattore della rivista dei gesuiti ‘Aggiornamenti sociali’, padre Giuseppe Riggio, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, commentando il referendum per l’autonomia in Lombardia e Veneto.
“La Lombardia e il Veneto – ha aggiunto padre Riggio – hanno indetto un referendum consultivo, questo significa che gli esiti del voto non hanno effetti giuridici e non vincolano in nessun modo le due giunte regionali”.
“Uno dei limiti di questa proposta di referendum da parte delle due Regioni – ha proseguito padre Riggio – è che i cittadini sono chiamati ad esprimersi sul desiderio e la volontà di avere maggiore autonomia senza però che venga detta di quale autonomia si sta parlando, in quali materie, con quali attribuzioni e aspetti finanziari. Al momento non c’è nulla di questo tipo”.

Puntata di Ecclesia a cura di Alessandra Giacomucci:

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone