Corte Strasburgo boccia utilizzo embrioni per ricerca. Movimento per la Vita: “Embrione non è oggetto di proprietà”

EmbrioniLa corte di Strasburgo dei diritti dell’uomo ha detto ‘no’ all’ utilizzo degli embrioni per scopi di ricerca. La sentenza stabilisce infatti che l’Italia non ha violato la convenzione europea  sottolineando che è interesse dello stato proteggere l’embrione e gli individui coinvolti.

“La sentenza della Corte – ha detto Gianluigi Gigli, Presidente del Movimento per la vita – ha stabilito nero su bianco che l’embrione non è un oggetto di proprietà”.

Intervista di Rita Salerno:

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone