Papa Francesco riceve imprenditori italiani. Ecco le aziende sociali ed etiche

Italy-Iran Business Forum in RomeTradita la fiducia dei clienti dai quattro istituti finiti in bancarotta (Banca Marche, Banca Etruria, Carife, Carichieti), così Giuseppe Guzzetti, presidente della Fondazione Cariplo, durante il suo intervento al convegno “Fare insieme”, organizzato da Confindustria alla vigilia dell’incontro di sabato 27 febbraio con Francesco. È la prima volta che la più grande organizzazione di imprenditori italiana è ricevuta in udienza da un Papa. Abbiamo raccolto alcune esperienze di aziende con un profilo sociale ed etico.

Stefania Brancaccio, vicepresidente della Coelmo (Costruzioni Elettromeccaniche Monsurrò) Spa, leader nella produzione di Gruppi elettrogeni industriali e marini, ci racconta di come ha messo ha frutto la sua esperienza di madre e lavoratrice per proporre un sistema di welfare in azienda in particolare per le donne.

Su iniziativa di Aldo Bonomi, un imprenditore bresciano Presidente e AD del Gruppo Bonomi Rubinetterie Bresciane, (insignito del titolo di Cavaliere del Lavoro da Napolitano) è stata recentemente creata WELSTEP, una rete di 13 imprese (di cui 11 bresciane) che si pongono l’obiettivo di mettere a fattor comune programmi e budget destinati al welfare aziendale.


Invece Flavia Ballico, direttore finanziario di Pert Engineering e membro del consiglio direttivo di Confindustria AssAfrica, ha sviluppato una serie di progetti di collaborazione e sostegno in alcune realtà africane.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone