Papa a Bologna, mons. Zuppi: “Pranzo poveri in Basilica non è desacralizzante”.

L’Arcivescovo di Bologna a InBlu Radio risponde in merito alle polemiche sul banchetto all’interno di San Petronio: “Gesto che ci aiuta a sentire più umana l’Eucarestia”

Mons. Matteo Maria ZuppiRoma, 02 ottobre 2017 – “Posso capire chi si è scandalizzato. E’ chiaro che c’è un punto importante che riguarda la sacralità del luogo. Ma quello che è successo non significa desacralizzare anzi ci aiuta a capire ancora meglio e a sentire ancora più umana l’Eucarestia”. Lo ha detto l’Arcivescovo di Bologna, mons. Matteo Zuppi, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche italiane, rispondendo alle polemiche scaturite dal pranzo di Papa Francesco con i poveri, rifugiati e detenuti avvenuto ieri all’interno della Basilica di San Petronio a Bologna.
“Qui a Bologna – ha aggiunto mons. Zuppi – padre Marella, un uomo che negli anni 50-60 ha animato la carità della città, tutte le domeniche celebrava la messa e faceva un offertorio al contrario: invece di raccogliere distribuiva ai poveri. E quindi mangiava in chiesa insieme a loro, una specie di colazione-pranzo con cui continuava l’agape fraterna. La gioia e la bellezza di questa immagine ci aiuta a capire e contemplare in maniera più religiosa l’unità tra le due mense”.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone