Un mese fa morivano sotto le bombe oltre 30 persone all’ospedale di Kunduz. Il ricordo di Msf

KUNDUZA un mese dal bombardamento del suo ospedale traumatologico a Kunduz, in Afghanistan, nel quale hanno perso la vita almeno 30 persone fra personale medico, pazienti, familiari e personale di servizio, Medici senza frontiere ha commemorato le vittime in molte città del mondo. A Roma l’appuntamento è stato sotto l’arco di Costantino. Un’occasione per tornare anche a chiedere la protezione delle strutture sanitarie come sancito dal Diritto Internazionale Umanitario. Il presidente di Msf Italia, Loris De Filippi.

Intervista di Giorgi Bresciani:

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone