Lotta alla mafia – Blitz in provincia di Trapani, dodici arresti di Carabinieri e Dia

BUONA LA PRIMA, Martedì 13 marzo, alle 18.13

Martedì 13 marzo , a Buona la Prima

Le notizie in primo piano di Corriere.it; collegamento con il desk centrale, Cristina Argento

La prima pagina de Il centro; collegamento con il desk centrale, Lorenzo Colantonio, vicecaporedattore

Giuseppe Caporaso in studio per Attenti al Lupo, in onda alle 19 su TV2000

Lotta alla mafia – Blitz in provincia di Trapani, dodici arresti di Carabinieri e Dia. Il pentito Cimarosa: “Una borsa piena di soldi per Matteo”. L’ex sottosegretario D’Alì fotografato con un imprenditore boss. Un insospettabile imprenditore ha finanziato la latitanza di Matteo Messina Denaro, il padrino di Cosa nostra che sembra diventato imprendibile dal 1993. E’ Vito Nicastri, “il signore del vento” come lo definì alcuni anni fa il Financial Times: il re degli impianti eolici da Roma in giù è stato arrestato con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Le indagini della Direzione distrettuale antimafia di Palermo coordinate dal procuratore Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Paolo Guido stringono il cerchio attorno alla rete di complicità che continua a proteggere il capomafia condannato all’ergastolo per le stragi di Roma, Milano e Firenze del 1993. Questa notte, un blitz dei carabinieri del comando provinciale di Trapani, del Ros e della Direzione investigativa antimafia ha portato in carcere 12 persone; Fabrizio Lentini, vicecaporedattore Repubblica-Palermo

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone