Confcommercio: bollette e spese sanitarie pesano quasi 7.300 euro l’anno a persona

INBLU NOTIZIE

10 agosto 2018. Energia elettrica, spese alimentari, ticket sanitari, assicurazioni. Le spese obbligate, quest’anno, rappresentano il 40,7% del totale dei consumi. Pur essendo per la prima volta in calo di circa un punto percentuale, dopo la crescita inarrestabile registrata tra il 1995 e il 2014, hanno, tuttavia, ancora un’elevata incidenza: pesano quasi 7.300 euro l’anno a testa. E’ quanto stima l’ufficio studi della Confcommercio. E tra le uscite vincolate, la voce abitazione è quella più rilevante: tra affitti, manutenzioni, bollette e utenze assorbe “quasi 4.200 euro”. Scende, invece, la quota di spesa destinata ai prodotti per la tavola: si tratta di 2.681 euro annui, pro capite. Sul totale dei consumi, quelli per alimenti si attestano infatti al 15% nel 2018: in calo rispetto al 15,2% del 2014.

Confcommercio, Mariano Bella: “Cresce la spesa degli italiani per affitti e manutenzioni”

10 agosto 2018. Bollette di luce e gas e ticket sanitari. Nel 2018 le cosiddette spese obbligate hanno un peso di quasi 7.300 euro l’anno a persona. Lo stima l’ufficio studi della Confcommercio. Tra le uscite vincolate, la voce abitazione – con affitti e manutenzioni – è quella più rilevante spiega ai nostri microfoni Mariano Bella, responsabile dell’Ufficio studi.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone