Con Alberto Zorloni parliamo di volontariato internazionale

Federica Margaritora a “Buona la Prima” intervista Alberto Zorloni, autore del libro edito dalla Emi (Editrice Missionaria Italiana), dal titolo “Ripartire da ieri”. Con lui parliamo di volontariato internazionale.

copertina

«Quelli delle ong ti uccideranno!», si è sentito dire l’autore. Ma lui non è d’accordo. Ritiene che siano invece le ong, con la loro strategia sempre più appiattita sulla ricerca di fondi, ad andare verso il suicidio.
Denuncia quindi, tra il saggio e il racconto, le ipocrisie dell’attuale cooperazione non governativa. Ma, soprattutto, formula una proposta di rilancio, consapevole che volontari internazionali possiamo essere tutti, anche rimanendo a casa. Occorre però rispolverare molti valori messi da parte troppo in fretta perché considerati obsoleti. E ci vuole l’umiltà di farsi aiutare dagli africani, che quei valori hanno saputo conservarli meglio. Solo così riusciremo a uscire dalla situazione di sottosviluppo dell’armonia in cui ci siamo cacciati. Una prospett iva ribaltata, dunque: smettiamola di giocare ai soccorritori buoni, e riconosciamo di avere anche noi bisogno degli altri. Pronti a scoprire con gioia che quanti ci sembravano soltanto «poveri» possono invece rivelarsi «diversamente ricchi». A loro va lasciato lo spazio economico per accedere a una vita meno disagiata, mentre noi dobbiamo recuperare una quotidianità meno ansiogena. Vivere con armonia il presente, rivalutando quanto di buono è emerso nel passato, è il miglior modo per guardare con fiducia al futuro. È questo il senso di Ripartire da ieri.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone