Buona la Prima – Giornata della memoria: scritta ‘Don Ciotti sbirro’, dopo la visita di ieri di Mattarella.

Lunedì 20 marzo, a Buona la Prima, alle 18.13 su inBlu:Schermata-2017-03-20-alle-12.32.49-1

La prima pagina di Avvenire; collegamento con il desk centrale, Andrea Lavazza, caporedattore centrale

I titoli di Tg2000; Amerigo Vecchiarelli, caporedattore, in studio

Giornata della memoria – Scritta ‘Don Ciotti sbirro’ sul Vescovado di Locri, dopo la visita di ieri di Mattarella. L’impegno dà fastidio, replica il presidente di Libera.

I commenti alla visita di Mattarella di Cafiero de Raho e tre familiari: Matteo Luzza, Alessandra Clemente, Debora Cartisano

Dopo l’incontro di ieri del presidente Mattarella con i familiari delle vittime innocenti di mafia, una scritta “più lavoro meno sbirri” e un’altra “don Ciotti sbirro”, sono state tracciate la notte scorsa sul Vescovado di Locri, dove in questi giorni risiede don Luigi Ciotti, presidente di Libera, per la Giornata della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, che si celebra domani in tutta Italia. Ieri Mattarella aveva lanciato un duro monito contro le mafie, che tolgono libertà, diritti e opportunità a persone e territori. “Queste scritte rientrano nella strategia della ‘ndrangheta che dice meno sbirri e più lavoro, ma è quella che fa fuggire le imprese che il lavoro lo danno”, così il procuratore di Reggio Calabria Cafiero de Raho, anche lui presente ieri a Locri all’incontro con Mattarella. Sentiamo prima lui e poi alcuni familiari: Matteo Luzza, Alessandra Clemente, Debora Cartisano

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone