Il G7 a Taormina – Terrorismo, clima, migrazioni, commercio: le sfide che dividono i Grandi. In Egitto un attacco contro un bus di copti provoca 35 morti tra cui bambini

Buona la prima, Venerdì 26 maggio alle 18.13

g7 climaVenerdì 26 maggio, a Buona La Prima alle 18,13 su InBlu:

Le notizie in primo piano di Corriere.it; collegamento con il desk centrale, Alessandro Sala

Le notizie in primo piano di Repubblica-Palermo; Enrico del Mercato, caporedattore

Giuseppe Caporaso in studio per Attenti al Lupo, in onda alle 19 su TV2000

Il G7 a Taormina – Terrorismo, clima, migrazioni, commercio: le sfide che dividono i Grandi. In Egitto un attacco contro un bus di copti provoca 35 morti tra cui bambini

Collegamento con Taormina, Franco Cicero, vicedirettore Gazzetta del Sud

Terrorismo, Africa, migranti, clima e commercio: questa l’agenda sul tavolo del G7 che si è aperto oggi a Taormina. Temi che dividono i Grandi con posizioni diverse sia all’interno dell’Ue, che tra l’Ue e gli Stati Uniti. Prima volta tra i Grandi per Gentiloni ma anche per i colleghi May e Macron e per il presidente americano Trump. “Non c’è dubbio che è il più difficile dei G7“, ha detto il presidente del Consiglio Ue Tusk. E mentre i capi di Stato e di governo di Italia, Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Francia, Germania e Giappone sono al lavoro, in Egitto un attacco armato contro un bus di cristiani copti provoca 35 morti tra cui bambini; collegamento con Taormina, Franco Cicero, vicedirettore La Gazzetta del Sud

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone