Rifugiati, rapporto Centro Astalli. Intervista a padre Ripamonti

asilo politico

Aumentano le domande di asilo in Italia, ma tra le persone che arrivano nel nostro paese, sono in tanti quelli che decidono di continuare il viaggio verso i paesi del Nord. In tutto, le domande presentate nel 2014 sono state 64.886, con un incremento del 143 per cento rispetto all’anno precedente. Tra le nazionalità maggiormente rappresentate non compaiono però né  la Siria, né l’Eritrea, che sono, invece, i primi due Paesi di origine dei 170.757 migranti arrivati in Italia via mare lo scorso anno (rispettivamente 39.651 e 33.559 persone).Quelle più rappresentate sono invece Afghanistan, Mali, Guinea e i paesi dell’Africa subsahariana. Anche nel 2014, dunque, molti migranti forzati hanno deciso di proseguire il lor percorso verso il nord Europa. Lo dice il rapporto annuale 2015 del Centro Astalli, presentato Roma il 23 aprile 2015.

Alessandra Camarca ha intervistato il presidente del Centro, padre Camillo Ripamonti:

 

 

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone