“Dieci piccoli indigeni, ovvero i giallini napoletani”

Cosa succede in città

Patrizio Fiore è un medico napoletano, prestato alla scrittura e al giornalismo. Sullo sfondo di una Napoli quotidiana, bella e difficile, fatta di personaggi che s’incontrano ogni giorno nella realtà, nascono i dieci gialli che danno vita a “Dieci piccoli indigeni, ovvero i giallini napoletani”, la seconda prova da autore di Fiore, dopo il romanzo “Il ricamo mortale”.

A Palermo, al Real Albergo dei Poveri, nell’ambito delle celebrazioni della città siciliana capitale della cultura 2018, è stata inaugurata la mostra “Robert Capa Retrospective”, dedicata ad una delle figure più autorevoli del fotogiornalismo del XX secolo, fondatore, con Henry Cartier- Bresson, di quella che è tuttora la più importante agenzia fotografica del mondo, la Magnum Photos. Articolata in 12 sezioni, la mostra raccoglie gli scatti di Capa in zone di guerra, ma anche i ritratti dei tanti amici, artisti, attori, registi, scrittori, a cui il grande fotoreporter ha dedicato la sua anima più leggera.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone