Myanmar, 600 i civili uccisi, arrestato anche un noto attore

InBlu2000 News

8 aprile 2021

In Myanmar sono 600 i civili uccisi dall’inizio delle proteste contro il colpo di stato militare. Arrestato oggi anche un noto attore, il 24enne Paing Takhonm, sostenitore delle proteste anti golpe. E il ministro degli Esteri britannico, Dominic Raab, denuncia le “intimidazioni” della giunta birmana, il giorno dopo l’occupazione dell’ambasciata del Myanmar a Londra con l’estromissione dello stesso ambasciatore, Kyaw Zwar Minn, che si era schierato contro il golpe, esortando la giunta a rilasciare la leader Aung San Suu Kyi. Il servizio di Giorgia Bresciani

Download