Covid, Bonaccini: “Governo riconosca alle Regioni 1 miliardo di euro”

INTERVISTA A INBLU2000

Ascolta l’intervista di Chiara Placenti:
Download

Il presidente dell’Emilia Romagna parla a InBlu2000: “Voto 2022? Spero Draghi prosegua l’opera”

 

Stefano Bonaccini, presidente della regione Emilia Romagna

Roma, 22 novembre 2021. “Noi abbiam bisogno che ci venga riconosciuto un ulteriore miliardo di euro per le spese sostenute durante quest’anno e il riconoscimento del cosiddetto payback”. Lo ha detto il Presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, in un’intervista a InBlu2000, la radio nazionale DAB della Conferenza episcopale italiana.
“Bisogna che il governo – ha spiegato Bonaccini – ci riconosca più risorse. Io apprezzo e ho apprezzato moltissimo, lo dico pubblicamente da mesi, il lavoro del governo Draghi e del Generale Figliuolo. Il Governo però a partire dal Mef bisogna che riconosca che siamo dentro una pandemia, non è che possiamo la mattina stare a discutere se spendere 10 centesimi in più o 10 centesimi in meno”.
“Voto nel 2022? Egoisticamente da Presidente della Regione Emilia Romagna – ha risposto Bonaccini – impegnata a combattere la pandemia, e a provare a vincerla il prossimo anno definitivamente, impegnato a dover registrare e cominciare prossimamente a spendere fondi Pnrr verrebbe da dire che un governo Draghi che a mio parere sta lavorando benissimo o molto bene, sarebbe utile che proseguisse nell’opera che ha intrapreso almeno fino a fine legislatura”.
“Ho guidato la Conferenza delle Regioni – ha concluso Bonaccini a InBlu2000 – per cinque anni e mezzo, in cinque anni e mezzo ho avuto a che fare con cinque diversi governi, con quattro presidenti del consiglio ma soprattutto cinque maggioranze diverse. Provi a mettere in una città o in una regione che il sindaco o presidente di Regione cambiassero ogni anno con maggioranze ogni volta diverse. Puoi mettere anche Mandrake ma è difficile dar corso alle idee anche le migliori che hai in campo. Io credo che la stabilità sarebbe un valore”.