Buona la Prima – Puglia: incendio nel Ghetto dei braccianti sfruttati. Morti due africani. Era in fase di sgombero

ghetto_incendioVenerdì 3 marzo, a Buona la Prima, alle 18.13 su inBlu:

La prima pagina de Il Corriere della Sera; Enrico Caiano, caporedattore centrale

Le notizie in primo piano dell’agenzia Redattore Sociale; Carla Chiaramoni, direttore

Giuseppe Caporaso in studio per Attenti al Lupo, in onda alle 19 su TV2000

Puglia – Incendio nel Ghetto dei braccianti sfruttati. Morti due africani. Era in fase di sgombero.

Intervista a Rosario Sardella, giornalista, autore di ‘Io ci sto fra i migranti’

Puglia – Caporalato – Due uomini africani, originari del Mali, sono morti carbonizzati nell’incendio, l’ennesimo, che si è sviluppato nella notte all’interno del ‘gran Ghetto’, il villaggio di cartone nelle campagne tra San Severo e Rignano Garganico nel quale dal 1 marzo erano in atto le azioni di sgombero. Non si esclude il dolo. Per la baraccopoli nelle campagne era iniziato lo sgombero per ‘infiltrazioni criminali’, ma una parte dei 500 lavoratori stagionali si era rifiutata di abbandonare la struttura. Quando intorno all’una di notte si è sviluppato il rogo, che in pochi minuti ha avvolto numerose baracche, erano già presenti i vigili del fuoco, carabinieri e agenti di polizia che stavano presidiando l’area. Per due dei circa 100 migranti che si erano rifiutati di lasciare la struttura, nel timore di perdere il lavoro nei campi legato al ghetto e ai suoi ‘caporali’, non c’è stato scampo; Rosario Sardella, giornalista, autore di ‘Io ci sto’ fra i migranti, un’esperienza di volontariato proprio tra i braccianti del Ghetto e della vicina ‘Pista’

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone