Sei anni di guerra in Siria: “Come fiori tra le macerie”

SiriaA sei anni dall’inizio del conflitto la situazione della popolazione in Siria si conferma drammatica: oltre 13 milioni e mezzo di persone hanno bisogno di assistenza umanitaria. Più di 11 milioni gli sfollati. Distrutti la metà degli ospedali. Ma nonostante questo c’è chi resiste per costruire futuro.  Il terzo dossier che Caritas italiana dedica alla guerra in Siria parla dei ragazzi che decidono di scommettere sul futuro del Paese “Come fiori tra le macerie”. 132 sono i giovani raggiunti, tra i 18 e i 34 anni. Il 61 per cento vive in zone a rischio. Ma rispetto a prima del conflitto cresce il numero dei ragazzi che si impegnano per promuovere la pace e la non violenza. Intanto ad Aleppo, liberata per la gran parte dagli jihadisti, resta terribile la situazione perché manca tutto come racconta al microfono di Alessandra Giacomucci il vescovo della città e presidente di Caritas Siria monsignor Antoine Audo.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone