Libano al voto domenica dopo 9 anni. Attenzione puntata su Hezbollah

Buona la Prima - 4 maggio, ore 18.13

4 maggio 2018 – A nove anni dalle ultime elezioni legislative, domenica 6 maggio i libanesi voteranno per il rinnovo dei 128 seggi del Parlamento. Si vota con una legge proporzionale, con una ripartizione dei seggi prestabilita:  64 seggi alle comunità cristiane e 64 a quelle musulmane.  In questa tornata potrebbe essere protagonista il gruppo sciita Hezbollah, che invece nel 2009 era risultato il grande sconfitto. Ma la situazione ora è ben diversa. Il Libano si trova ai margini della guerra in Siria. Il gruppo è filoiraniano e Teheran è diventato un alleato attivo del regime di Assad insieme alla Russia. Sono cambiati anche gli equilibri interni al paese ed Hezbollah ha un ottimo rapporto con i cristiani, in particolare dopo l’elezione a presidente di Michel Aoun. La seconda questione è la modifica del principio proporzionale alla base degli accordi e della Costituzione. Questa sarebbe il vero obiettivo di Nasrallah. Se ne parla a Buona la Prima, il programma di InBlu radio in onda alle 18.13, condotto da Federica Margaritora che intervista  Lorenzo Trombetta, corrispondente Ansa a Beirut.

Buona la prima approfondisce le notizie del giorno e  apre con collegamenti con i desk dei principali quotidiani nazionali e locali: oggi per Il Sole 24 Ore c’è Mauro Meazza, caporedattore centrale e, per l’agenzia Redattore Sociale, Carla Chiaramoni, del desk centrale.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone