Gaza: 60 morti, anche bimba. In Cisgiordania sciopero e lutto. La Turchia richiama l’ambasciatore da Israele

Buona la Prima – 15 maggio, ore 18.13

15 maggio 2018 – Sciopero, lutto e proteste a Gerusalemme Est e in  Cisgiordania, dopo i violenti scontri di ieri nella Striscia di Gaza, con un numero di morti che continua a salire (61 finora: 8 sono bambini). Oggi poi è l’anniversario della Nakba, la “catastrofe” per gli arabi, il colossale esodo di 700 mila palestinesi dopo la creazione dello Stato di Israele nel 1948. E tre giorni di lutto sono stati proclamati dall’Olp per celebrare i funerali di molte delle vittime di Gaza, che in giornata troveranno sepoltura. Tra loro anche una neonata, Leila al-Ghandour, 8 mesi, morta dopo aver inalato gas lacrimogeni negli scontri fra le forze israeliane e i manifestanti, calcolati in quasi 40 mila, in un villaggio vicino alla barriera che separa la Striscia dai confini israeliani. Se ne parla a Buona la Prima, il programma di InBlu radio in onda alle 18.13, condotto da Federica Margaritora, che si collega con Gerusalemme e intervista  Eric Salerno, giornalista esperto di Medio oriente, analista per l’Huffington Post.

Buona la prima approfondisce le notizie del giorno e  apre con collegamenti con i desk dei principali quotidiani nazionali e locali: oggi per il sito online del Corriere della Sera, Corriere.it, c’è Cristina Argento, del desk centrale e, per  Il Mattino di Napoli,  il caporedattore centrale  Francesco De Core.

 

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone